Home Attualità Legittima difesa, pensionato indagato per omicidio: spara a un ladro e lo...

Legittima difesa, pensionato indagato per omicidio: spara a un ladro e lo uccide

0
SHARE
Fonte: Repubblica.it

Un pensionato milanese di 65 anni è indagato con l’accusa di omicidio volontario per aver sparato a un ladro che aveva fatto irruzione in casa sua.

L’uomo che vive a Vaprio d’Adda avrebbe subito ben 4 furti negli ultimi mesi e all’ennesima incursione dei ladri in casa sua avrebbe utilizzato la sua pistola, regolarmente registrata, per difendere la sua abitazione e la famiglia. Uno dei colpi sparati però ha colpito uno dei ladri, un 28enne romeno che è morto sul colpo. A nulla è servito l’intervento degli uomini del 118, chiamati dallo stesso pensionato.

I vicini di casa hanno poi dichiarato di aver visto altre persone fuggire via dalla casa dopo gli spari, segnale che il ladro non era in missione solitaria ma faceva parte di una banda. Il 28enne però era disarmato e per Francesco Sicignano, questo il nome del pensionato milanese, l’accusa è passata a omicidio volontario, mentre in un primo momento si era presa in considerazione l’accusa di eccesso colposo di legittima difesa.

Sulla questione è intervenuto anche il Governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni, che con un post su Twitter ha spiegato : “La Regione Lombardia si accollerà le spese di difesa del pensionato che, per legittima difesa, ha sparato al ladro romeno entrato in casa sua“.

Sulla stessa falsariga le dichiarazione di Matteo Salvini: “Pazzesco che il pensionato sia indagato. Giù le mani da chi si difende. Se si tratta di un ladro morto ‘sul lavoro’, non mi dispiace più di tanto: se l’è andata a cercare“.

Fonte: Facebook
Fonte: Facebook

 

Fonte: Repubblica.it

Commenti

commenti