Milano, al Piermarini la nuova opera commissionata dal Teatro alla Scala

Milano, al Piermarini la nuova opera commissionata dal Teatro alla Scala

0
SHARE

MILANO – La sala Piermarini ospiterà il 16 Maggio la prima dello spettacolo “CO2″, commissionato dal Teatro alla Scala a Giorgio Battistelli. Tema centrale dell’opera è proprio il cambiamento climatico e il futuro del pianeta.

L’assessore alla Cultura, Filippo Del Corno, ha dichiarato: “Il tema della sostenibilità sarà centrale nell’eredita immateriale che Expo lascerà a Milano e al Paese e quest’opera ne sarà una parte fondamentale. Quando quest’opera verrà ripresa in futuro, in altri teatri del mondo, sarà evidente come la riflessione suggerita dalla partitura sia profondamente legata ai temi di Expo 2015 e alle istanze di rilevanza planetaria che ne discendono. CO2 ci stimola quindi ad un pensiero consapevole e responsabile con il linguaggio a volte provocatorio ma straordinariamente efficace dell’espressione artistica contemporanea, concorrendo così a potenziare quello straordinario laboratorio di idee che è il palinsesto di ExpoinCittà

Di seguito parte del comunicato stampa del Comune di Milano:

Dal 16 al 29 maggio nella sala del Piermarini va in scena in prima esecuzione assoluta CO2, la nuova opera di Giorgio Battistelli su libretto di Ian Burton commissionata dal Teatro alla Scala. In linea con il tema di Expo 2015 (Feeding the Planet – Energy for Life) l’opera – il cui titolo è la formula chimica dell’anidride carbonica – affronta alcune delle questioni più dibattute dei nostri giorni: i consumi irresponsabili, le emissioni di Carbonio, il Surriscaldamento Globale, lo scioglimento dei ghiacci, la desertificazione, l’estinzione delle specie animali. Con CO2 la musica riprende il dialogo con i saperi scientifici e l’opera torna al centro del dibattito etico e civile in un momento in cui Expo Milano 2015 ripropone con forza all’attenzione internazionale il tema dello sviluppo sostenibile e cresce l’attesa per l’enciclica che Papa Francesco dedicherà alla custodia del Creato”.

Commenti

commenti